DON LUIGI CIOTTI

Il giorno 23 Gennaio 2020 la Diocesi di Latina ha ospitato presso i locali della Curia Don Luigi Ciotti, presbitero e attivista che ha intrapreso da anni un percorso di servizio per la giustizia e la difesa degli altri. Sono stati invitati all’evento gli studenti di alcuni istituti della provincia.


Don Luigi ha raccontato la sua storia, densa di citazioni che amplificavano perfettamente i concetti che voleva fossero compresi dalle nuove generazioni. Si è definito “un prete di strada” che non ha mai intrapreso un percorso da navigatore solitario, concentrato solamente sulla propria vocazione, ma un percorso che ha avuto sempre come fulcro il “noi”, perché è il noi che vince, è l’unione, la coesione e il rispetto per l’altro e il cambiamento che noi sogniamo ha bisogno di tutti noi, insieme.
Ci ha rivelato che il suo pensiero si è fondato grazie a due pilastri fondamentali: il Vangelo e la Costituzione, entrambi come parola di libertà e risposta alle domande di senso e noi dobbiamo assicurarci che duri e resti nel tempo.
Don Luigi nel corso della conferenza ha elencato anche alcuni termini fondamentali come la memoria che bisogna tramandare e spiegare a coloro che ci seguono, perché ricordare fa riflettere sulle proprie azioni; poi la conoscenza, perché è importante istruirsi e informarsi su qualsiasi dubbio si abbia, perché non si deve essere superficiali e troppo sicuri di se stessi in qualunque circostanza; come terzo termine ha citato l’impegno verso la comunità perché bisogna diventare “cittadini a tempo pieno”, che denunciano le ingiustizie e si rimboccano le maniche facendo la loro parte, non persone che vivono nel silenzio e nell’omertà rimanendo costantemente soffocati dalla paura di esporsi e rischiare; infine la corresponsabilità, perche non dobbiamo obbedire solamente alla Costituzione, ma dobbiamo far sì che i principi di quest’ultima ricorrano nella nostra vita quotidiana e non solo sulla carta, diventando così leali con gli altri e per gli altri.


Nella seconda parte dell’incontro Don Luigi ha risposto ad alcune domande poste dagli studenti presenti, rendendoci partecipi della sua vita, infatti ha spiegato la fondazione del “Gruppo Abele” a Torino dove lui vive ancora, perché è la sua famiglia, la continuità con cui si occupa di persone dipendenti dalle sostanze stupefacenti e ancora della legge per il SERT, dicendo che “i dubbi sono più sani delle certezze, poi basta schierarsi”.
Si è addentrato anche nel tema della mafia, con una citazione molto toccante “la mafia si trova in Sicilia ma ha la testa a Roma e salirà sempre di più verso le Alpi”, considerato che l’ha sempre contrastata, usando anche i suoi beni per scopi sociali, infatti Don Luigi è ritenuto una figura pericolosa che va annientata, perché è uno dei pochi che non ha paura di lottare contro la malavita e bisognerebbe prendere come esempio le sue parole: “senza coraggio la vita è meno vera, meno vissuta”. Per concludere la conferenza ha detto a noi giovani che “bisogna riempire la vita di vita” e anche se sembra un paradosso, ha pienamente ragione, perche vivere una vita nel retroscena non porta altro che rimpianti e insoddisfazione personale, considerato che al giorno d’oggi, circondati da eventi incontrollabili come la terza guerra mondiale che lui definisce “a pezzi” perché ci sono 30 guerre in atto e la catastrofe ecologica, causata solo dall’uomo che sulla Terra è il 3% di viventi, dobbiamo dare il nostro contributo per far sì che si salvi il futuro.
Al termine dell’incontro siamo tornati nelle nostre case con un pizzico di consapevolezza in più, data dalle parole molto profonde, dalla sua umiltà, venuta fuori quando prima della conferenza è passato a salutare tutti noi studenti che purtroppo, per motivi di spazio, siamo stati in videoconferenza durante tutto il discorso tenuto nella sala accanto e dalla sua schiettezza, che ci ha fatto aprire gli occhi su argomenti spesso resi intoccabili dalla società che ci circonda.

Martina Macale 4B SIA

Un pensiero su “DON LUIGI CIOTTI

  • 03/03/2020 in 11:48
    Permalink

    Coinvolgimento umano emotivamente molto forte,ci sono persone ‘speciali’,Don Ciotti è una persona speciale!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *